Sintomi della colite e come identificarli

La presenza di secrezioni bianche simili al latte e che possono avere un odore sgradevole, in alcuni casi, corrisponde al sintomo principale della colpite, ovvero l'infiammazione della vagina e della cervice che può essere causata da funghi, batteri e protozoi, come la Candida sp., Gardnerella vaginalis e Trichomonas sp.

Per scoprire se si tratta di colpite, il ginecologo deve valutare i sintomi presentati dalla donna, oltre a eseguire test che consentono di identificare i segni di infiammazione e l'agente infettivo responsabile della colpite, e possono essere eseguiti il ​​test di Schiller e la colposcopia, ad esempio. Ulteriori informazioni sulla colpite.

Sintomi della colite e come identificarli

Sintomi di colite

Il sintomo principale della colpite è lo scarico vaginale biancastro o grigiastro, simile al latte, che a volte può essere bolloso, sebbene non sia molto comune. Inoltre, alcune donne segnalano il fetore nella zona intima, simile all'odore del pesce, che tende a diventare ancora più evidente dopo il contatto intimo.

Oltre alla dimissione, il medico può identificare i segni di mucosa cervicale o vaginale durante l'esame, differenziando i tipi di colpite in:

  • Colpite diffusa , che è caratterizzata dalla presenza di piccole macchie rosse sulla mucosa vaginale e sulla cervice;
  • Colpite focale , in cui si possono vedere macchie rosse rotonde sulla mucosa vaginale;
  • Colpite acuta , che è caratterizzata da gonfiore della mucosa vaginale oltre alla presenza di punti rossi;
  • Colpite cronica , in cui si osservano macchie bianche e rosse nella vagina.

Pertanto, se la donna ha una scarica bianca e il medico identifica cambiamenti indicativi di infiammazione durante la valutazione della vagina e della cervice, è importante che vengano eseguiti test per identificare la causa della colpite e iniziare il trattamento.

Cause principali

La colpite è solitamente causata da microrganismi che fanno parte del normale microbiota vaginale, ad eccezione di Trichomonas sp., E che a causa di abitudini igieniche inadeguate, come usare frequentemente una doccia vaginale o non indossare biancheria intima di cotone, per esempio, può proliferare e causare infezioni e infiammazioni della regione genitale.

Inoltre, la colpite può verificarsi anche quando si hanno più di 4 ore con il tampone all'interno della vagina, a seguito di cambiamenti ormonali, uso di antibiotici o per aver fatto sesso durante le mestruazioni o avere rapporti sessuali senza preservativo.

È importante identificare la causa della colpite in modo che il medico possa indicare il trattamento più appropriato, che solitamente viene fatto con l'uso di antimicrobici che mirano ad eliminare il microrganismo in eccesso responsabile della colpite oltre a favorire il recupero del tessuto vaginale e della cervice. Comprendi come viene eseguito il trattamento per la colpite.

Come sapere se si tratta di colpite

Oltre a valutare i sintomi presentati dalla donna, il ginecologo dovrebbe eseguire alcuni test per verificare la presenza di segni di colpite. Pertanto, il medico valuta la regione intima, identificando i segni di infiammazione, oltre a svolgere test ed esami che aiutano a concludere la diagnosi della colpite e identificare il microrganismo responsabile dell'infiammazione, essendo il più indicato:

  • Test PH: maggiore di 4.7;
  • Test KOH 10%: positivo;
  • Esame fresco: che si ottiene dall'analisi di un campione di secrezione vaginale e che, in caso di colpite, indica una diminuzione dei lattobacilli, noti anche come bacilli di Doderlein e leucociti rari o assenti;
  • Gram test: che si ricava dall'analisi di un campione di secrezione vaginale e che ha lo scopo di identificare il microrganismo responsabile dell'infiammazione;
  • Esame delle urine di tipo 1: che può indicare la presenza di segni indicativi di infezione, oltre alla presenza di Trichomonas sp., Che è uno dei responsabili della colpite;
  • Test di Schiller: in cui il medico passa una sostanza con iodio all'interno della vagina e della cervice, individuando possibili alterazioni nelle cellule che sono indicative di infezione e infiammazione;
  • Colposcopia: che è il test più adatto per diagnosticare la colpite, in quanto consente al medico di valutare in dettaglio la vulva, la vagina e la cervice, ed è possibile identificare i segni che indicano l'infiammazione. Comprendi come viene eseguita la colposcopia.

Oltre a questi test, il medico può eseguire anche il Pap test, noto anche come test preventivo, tuttavia questo test non è adatto per la diagnosi di colpite, in quanto non è specifico e non mostra molto bene segni di infiammazione o infezione. .

Alcuni dei test indicati per sapere se si tratta di una colpite possono essere eseguiti durante il consulto con il ginecologo e la persona ha il risultato durante il consulto, altri invece necessitano del campione raccolto durante il consulto per essere inviato al laboratorio in modo che possano essere analizzati e se può avere la diagnosi.