Sangue nello sperma: cosa può essere e come trattarlo

Il sangue nello sperma normalmente non rappresenta un problema grave e quindi tende a scomparire da solo dopo pochi giorni, senza necessità di cure specifiche.

La comparsa di sangue nello sperma dopo i 40 anni di età può, in alcuni casi, essere sintomo di alcuni problemi di salute più gravi, come la vescicolite o la prostatite, che necessitano di essere curate, essendo necessario consultare un urologo per identificare la causa e iniziare trattamento adeguato.

Tuttavia, in ogni caso, se lo sperma sanguinante compare frequentemente o se impiegano più di 3 giorni a scomparire si consiglia di recarsi da un urologo per valutare la necessità di iniziare un qualche tipo di trattamento per curare il problema o alleviare i sintomi.

Sangue nello sperma: cosa può essere e come trattarlo

Le cause più frequenti di sangue nello sperma sono piccole protuberanze o infiammazioni nel sistema riproduttivo maschile, tuttavia, il sanguinamento può anche insorgere a causa di esami medici, come la biopsia prostatica, o problemi più gravi, come malattie a trasmissione sessuale o cancro, per esempio. esempio.

1. Ictus nella regione genitale

Le lesioni alla regione genitale, come tagli o ictus, ad esempio, sono la causa più frequente di sangue nello sperma prima dei 40 anni e normalmente l'uomo non ricorda di essere accaduto. Pertanto, è importante guardare l'area intima per cercare eventuali tagli o altri segni di trauma come gonfiore, arrossamento o lividi.

Cosa fare: normalmente, in questi casi, il sangue nello sperma scompare dopo circa 3 giorni e, quindi, non è necessario alcun trattamento specifico.

2. Uso di anticoagulanti

L'uso di alcuni medicinali, in particolare anticoagulanti, come Warfarin o Aspirina, aumenta il rischio di sanguinamento dai piccoli vasi sanguigni, come quelli che si trovano nella via dello sperma, che possono causare la fuoriuscita di sangue durante l'eiaculazione, tuttavia, questo il tipo di sanguinamento è raro.

Cosa fare: se l'emorragia dura più di 3 giorni prima di scomparire, si consiglia di consultare un urologo e assumere tutti i farmaci che si stanno assumendo per valutare la necessità di cambiare eventuale farmaco. Guarda quale attenzione dovresti prestare quando usi anticoagulanti.

3. Dopo aver eseguito una biopsia prostatica

La biopsia prostatica è un tipo di test invasivo che utilizza un ago per prelevare un campione dall'organo, motivo per cui il sanguinamento nello sperma e nelle urine è molto comune a causa del trauma causato dall'ago e dalla rottura di alcuni vasi sanguigni . Scopri di più su come viene eseguita la biopsia prostatica.

Cosa fare: il sanguinamento è normale se il test è stato eseguito entro 4 settimane prima della comparsa di sangue nello sperma, si consiglia di consultare l'urologo solo se compare un sanguinamento eccessivo o febbre superiore a 38 ºC.

Sangue nello sperma: cosa può essere e come trattarlo

4. Infiammazione della prostata o dei testicoli

L'infiammazione che può comparire nel sistema riproduttivo maschile, soprattutto nella prostata o nei testicoli, è una delle cause più comuni di sangue nello sperma e, quindi, è importante essere consapevoli di altri sintomi come febbre, dolore nella zona intima o gonfiore dei testicoli. Vedi altri sintomi in prostatite ed epididimite.

Cosa fare: se si sospetta un'infiammazione, si consiglia di consultare un urologo per identificare il tipo di infiammazione e iniziare il trattamento appropriato, che può essere fatto con antibiotici, antinfiammatori o analgesici, ad esempio.

5. Iperplasia prostatica benigna

L'iperplasia prostatica, nota anche come ingrossamento della prostata, è un problema molto comune negli uomini dopo i 50 anni e una delle principali cause di sangue nello sperma negli uomini più anziani. Di solito, questo tipo di problema è accompagnato da altri sintomi come minzione dolorosa, difficoltà nel passaggio dell'urina o un improvviso bisogno di urinare. Vedi gli altri sintomi comuni di questo problema.

Cosa fare: si consiglia di sottoporsi a esami della prostata dopo i 50 anni, che possono includere un esame rettale digitale e analisi del sangue per identificare se c'è un problema con la prostata e per iniziare il trattamento appropriato.

6. Malattie a trasmissione sessuale

Sebbene rara, la presenza di sangue nello sperma può essere un segno dello sviluppo di malattie a trasmissione sessuale, come l'herpes genitale, la clamidia o la gonorrea, soprattutto quando si verifica dopo aver avuto rapporti sessuali senza preservativo, per esempio. Guarda quali altri segni possono indicare una MST.

Cosa fare: in caso di contatto intimo senza preservativo o altri sintomi come secrezione dal pene, dolore durante la minzione o febbre, si consiglia di consultare un urologo per eseguire esami del sangue per le varie malattie a trasmissione sessuale.

7. Cancro

Il cancro è una delle cause più rare di sangue nello sperma, tuttavia, questa ipotesi dovrebbe essere sempre indagata, soprattutto dopo i 40 anni, poiché il cancro alla prostata, alla vescica o ai testicoli può, in alcuni casi, causare la comparsa di sangue nel sangue. sperma.

Cosa fare: consultare un urologo in caso di sospetto di cancro o sottoporsi a esami di routine dopo i 40 anni per consentire l'identificazione del rischio di cancro, iniziando il trattamento indicato dal medico, se necessario.