Adenite batterica: sintomi, cause e trattamento

L'adenite batterica, nota anche come linfoadenite o acqua, è un'infiammazione di uno o più linfonodi, causata da batteri. Questa infezione può comparire ovunque sul corpo, essendo comune in aree come il collo, l'ascella, l'inguine o l'addome e causa gonfiore, arrossamento, calore e dolore nel sito.

L'adenite batterica può verificarsi in chiunque, essendo comune nei bambini, e può essere causata da diversi tipi di batteri, come Staphylococcus aureus , streptococco β-emolitico di gruppo A, Y. enterocolitica, Y. pseudotuberculosis, Mycobacterium tuberculosis, Shigella sp o Salmonella sp, ad esempio, e quindi il suo trattamento viene effettuato con la prescrizione di antibiotici da parte del medico.

Sintomi dell'adenite batterica e come trattare

Tuttavia, va ricordato che ci sono molte altre cause per l'allargamento dei linfonodi, solitamente dovute a una reazione del corpo a qualche tipo di infiammazione, che si verifica per diversi motivi, da un raffreddore, un'infezione dentale, una lesione della pelle, o anche, più raramente, per malattie immunitarie o cancro, per esempio. Scopri maggiori dettagli su quale potrebbe essere il linfonodo ingrossato.

Principali sintomi

L'adenite batterica provoca un'intensa reazione infiammatoria nel ganglio colpito, che provoca un aumento delle sue dimensioni, che è più grande di 1 cm e può raggiungere anche le dimensioni di un limone, oltre a diventare rosso, caldo e doloroso, e causare una febbre che raggiunge i 40 ° C.

Generalmente, l'adenite compare nelle regioni cervicale, ascellare o inguinale, dove sono più comuni, ma possono anche comparire in regioni più interne del corpo, raggiungendo ad esempio i linfonodi mesenterici, intestinali, dello stomaco o del mediastino, causando febbre, dolore addominale, vomito e diarrea, essendo più difficile da identificare.

Come viene eseguito il trattamento

Il trattamento per l'adenite batterica viene effettuato con l'uso di antibiotici orali, come Amoxicillina, Cephalexin o Clindamicina, ad esempio, scelti dal medico in base al sospetto di quale tipo di batterio causa l'infezione. In caso di dubbio, il medico può anche ordinare test per aspirato o biopsia del ganglio colpito, per confermare il sospetto e per scoprire se il batterio è sensibile al principio attivo del farmaco.