Eosinofili: cosa significano quando sono alti o bassi

Gli eosinofili sono un tipo di cellula di difesa del sangue che ha origine dalla differenziazione di una cellula prodotta nel midollo osseo, il mieloblasto, e ha lo scopo di difendere l'organismo dall'invasione di microrganismi estranei, essendo molto importante per l'azione del sistema immunitario.

Queste cellule di difesa sono presenti nel sangue in concentrazioni elevate principalmente durante reazioni allergiche o in caso di infezioni parassitarie, batteriche e fungine. Gli eosinofili sono solitamente in concentrazioni inferiori nel sangue rispetto ad altre cellule di difesa del corpo, come linfociti, monociti o neutrofili, che agiscono anche sul sistema immunitario.

Quali possono essere eosinofili alti o bassi

Valori di riferimento

La quantità di eosinofili nel sangue viene valutata sul leucogramma, che è una parte dell'emocromo in cui vengono valutati i globuli bianchi del corpo. I valori normali di eosinofili nel sangue sono:

  • Valore assoluto: da  40 a 500 cellule / µl di sangue  - è il numero totale di eosinofili nel sangue;
  • Valore relativo: da 1 a 5% - è la percentuale di eosinofili in relazione agli altri globuli bianchi.

I valori possono variare leggermente a seconda del laboratorio in cui è stato eseguito l'esame e, pertanto, il valore di riferimento deve essere verificato anche nell'esame stesso.

Cosa può essere alterato Eosinofili

Quando il valore del test è al di fuori del range normale, si considera che la persona possa avere eosinofili aumentati o diminuiti, con ogni cambiamento che ha cause diverse.

1. Eosinofili alti

Quando la conta degli eosinofili nel sangue è maggiore del normale valore di riferimento, si caratterizza l'eosinofilia. Le principali cause di eosinofilia sono:

  • Allergia , come asma, orticaria, rinite allergica, dermatite, eczema;
  • Parassiti vermi, come ascariasis, toxocariasis, anchilostoma, ossiuriasi, schistosomiasi, tra gli altri;
  • Infezioni , come febbre tifoide, tubercolosi, aspergillosi, coccidioidomicosi, alcuni virus;
  • L' allergia all'uso di medicinali , come ad esempio AAS, antibiotici, farmaci antipertensivi o triptofano;
  • Malattie infiammatorie della pelle , come pemfigo bolloso, dermatiti;
  • Altre malattie infiammatorie , come malattie infiammatorie intestinali, malattie ematologiche, cancro o malattie genetiche che causano eosinofilia ereditaria, per esempio.

In alcuni rari casi, è ancora possibile non scoprire la causa dell'aumento degli eosinofili, una situazione chiamata eosinofilia idiopatica. Esiste anche una situazione chiamata ipereosinofilia, che è quando la conta degli eosinofili è molto alta e supera 10.000 cellule / µL, essendo più comune nelle malattie autoimmuni e genetiche, come la sindrome ipereosinofila.

Come sapere se ho eosinofili al di sopra del normale

Una persona che ha alti eosinofili non mostra sempre i sintomi, ma possono derivare dalla stessa malattia che ha causato l'eosinofilia, come mancanza di respiro nei casi di asma, starnuti e congestione del naso in caso di rinite allergica o dolore addominale in caso di infezioni parassita, per esempio.

Per quanto riguarda le persone che hanno ipereosinofilia ereditaria, è possibile che un eccesso di eosinofili causi sintomi come dolore alla pancia, prurito, febbre, dolore al corpo, crampi addominali, diarrea e nausea.

Quali possono essere eosinofili alti o bassiEosinofili nel campione di sangue Eosinofili nel campione di sangue

2. Eosinofili bassi

La bassa conta degli eosinofili, chiamata eosinopenia, si verifica quando gli eosinofili sono inferiori a 40 cellule / µl, raggiungendo 0 cellule / µl.

L'eosinopenia può verificarsi in caso di infezioni batteriche acute, come polmonite o meningite, ad esempio, poiché sono infezioni batteriche gravi che di solito aumentano altri tipi di cellule di difesa, come i neutrofili, che possono diminuire il numero assoluto o relativo di eosinofili . La riduzione degli eosinofili può anche essere il risultato di una diminuzione dell'immunità dovuta a malattie o all'uso di farmaci che alterano la funzione del sistema immunitario, come i corticosteroidi.

Inoltre, è possibile avere bassi eosinofili senza che vengano rilevati cambiamenti. Questa situazione può presentarsi anche in gravidanza, quando si verifica una fisiologica riduzione della conta degli eosinofili.

Altre cause rare di eosinopenia includono malattie autoimmuni, malattie del midollo osseo, cancro o HTLV, per esempio.

Come sapere se ho eosinofili sub-normali

La bassa conta degli eosinofili di solito non causa sintomi, a meno che non sia associata a una malattia che può avere qualche tipo di manifestazione clinica.