Cosa può essere dolore alla coscia e cosa fare

Il dolore alla coscia, noto anche scientificamente come mialgia della coscia, è un dolore muscolare che può interessare la parte anteriore, posteriore o laterale della coscia che può essere causato da un'eccessiva attività fisica o da un colpo diretto sul posto. Un allenamento eccessivo senza il necessario riposo è una delle principali cause della mialgia, ma questo cambiamento può svilupparsi anche a causa della stanchezza fisica, della contrattura della coscia.

Di solito questo dolore alla coscia scompare senza trattamento, solo con il riposo, ma quando l'area è contusa, c'è una zona viola o quando diventa molto dura, potrebbe essere necessario fare terapia fisica per risolvere il problema ed essere in grado di eseguire l'allungamento della coscia, gli esercizi e le attività della vita quotidiana.

Dolore alla coscia: cosa può essere e cosa fare

Cosa può essere il dolore alla coscia

Il sintomo principale della mialgia è il dolore muscolare alla coscia, che può essere classificato da 0 a 10, dove zero è indolore e 10 è un dolore insopportabile. Sapere come identificare il livello di dolore è importante per valutare la necessità e la progressione del trattamento.

Oltre al dolore localizzato alla coscia, è comune avere difficoltà a camminare e ad eseguire esercizi fisici e la regione può essere gonfia e viola, in caso di colpo. 

La diagnosi di mialgia alla coscia può essere fatta osservando i suddetti sintomi, ma per confermare che non si tratta di un'altra lesione come una frattura, stiramento o affaticamento muscolare, il medico può ordinare test, come radiografia ed ecografia della coscia , sebbene la terapia fisica possa iniziare anche prima dei risultati del test.

Dolore alla coscia: cosa fare

Il trattamento per il dolore alla coscia dipende da cosa ha causato il dolore. In caso di impatto diretto si consiglia di posizionare un impacco di ghiaccio sull'area per 15 minuti, da 3 a 4 volte al giorno, per le prime 48 ore dopo l'incidente. Inoltre, si consiglia: 

  • Allontanamento dall'allenamento e riposo con la gamba in posizione orizzontale o inclinata verso l'alto, come quando si è sdraiati sul divano con un cuscino sotto il tallone;
  • Lo stretching deve essere passivo e quindi deve essere sostenuto da qualcun altro;
  • Dopo le prime 48 ore, l'uso del ghiaccio dovrebbe essere sostituito da un impacco riscaldato, anche per 20 minuti, da 3 a 4 volte al giorno. 
  • In fisioterapia possono essere utilizzate apparecchiature quali voltaggio, ultrasuoni e corrente galvanica, come indicato dal fisioterapista.

Anche gli esercizi di stretching e potenziamento muscolare devono essere prescritti di persona, perché ogni persona necessita di un allenamento specifico. Tuttavia, può essere indicato rafforzare i muscoli quando c'è sollievo dal dolore con gli squat, su una piattaforma instabile, salire e scendere i gradini e utilizzare la cyclette.

Unguenti antinfiammatori come il diclofenac possono essere applicati due volte al giorno per alleviare il dolore, con un leggero massaggio locale fino a completo assorbimento del prodotto dalla pelle. Fare un bagno caldo e far cadere il getto d'acqua sulla zona dolorante aiuta anche ad alleviare i dolori muscolari, così come un leggero massaggio.

Se non sei sicuro di quando usare il ghiaccio o il calore in varie situazioni, guarda il seguente video: